#ATB: il messaggio da La Torre

Ciao wine lover!

L’iniziativa #ATB è conclusa, ma ci sono ancora delle aziende che hanno deciso di partecipare con entusiasmo a questo progetto. Come sempre vi avviseremo sui nostri profili instagram quando ci sarà una nuova avventura, se ancora non ci segui ti invito a farlo ora @cami.beretta e @sommelier_mattia_krug 😉

Oggi il nostro viaggio virtuale ci porta a visitare l’Azienda Agricola La Torre, nata nel 1925 da Lucia Massolini e il marito Attilio Pasini (nonni di Attilio Pasini, oggi titolare ed enologo dell’azienda).

L’azienda, a conduzione familiare, è situata a Calvagese della Riviera, nell’entroterra del Lago di Garda (BS) e i vini prodotti appartengono alla D.O.C Riviera del Garda Classico.

Lo scopo dell’azienda La Torre è quello di creare dei vini autentici, esprimere al meglio le potenzialità del terreno creando dei vini unici. Non solo vino, infatti viene prodotto (in piccole quantità), olio del Garda, grazie ad un piccolo uliveto di proprietà dell’azienda agricola.

Foto di Lorenzo Pasini

In azienda è possibile organizzare visite e tour di degustazione in abbinamento alle eccellenze del territorio 🙂

Tramite questa iniziativa abbiamo conosciuto Lorenzo, un ragazzo intelligente e con tanta passione per il suo lavoro. Tutte le foto presenti in questo articolo sono state scattate personalmente da Lorenzo e qui sotto puoi leggere il bellissimo messaggio che ha scritto per tutti noi di Enodays:

Il messaggio di Lorenzo

Durante questo strano e paradossale periodo che stiamo vivendo, penso la parola chiave per uscirne più forti e compatti di prima sia una e una sola: RESILIENZA.

Resilienza, oltre che essere la capacità di un materiale di assorbire un urto (e già qua il nesso è chiaro), in psicologia è definita come  “la capacità di far fronte in maniera positiva a eventi traumatici, di riorganizzare positivamente la propria vita dinanzi alle difficoltà, di ricostruirsi restando sensibili alle opportunità positive che la vita offre, senza alienare la propria identità.”

Dobbiamo, e dovremo, essere resilienti. La storia è ciclica, non è la prima pandemia che l’umanità affronta, e non sarà neanche l’ultima. Questa volta abbiamo più tecnologie, più risorse,  ma questo sistema socio-economico ci ha portati ad essere più distanti, più diffidenti l’uno dell’altro, tutti sempre “collegati” tramite smartphone ecc ma spesso e volentieri scollegati dal punto di vista empatico, umano.

Ecco, io spero che da tutto ciò potremo ricavare questo grande insegnamento per ritornare ad essere più uniti di prima, tornare ad aiutarci a vicenda, ad avere fiducia, perché sicuramente la ripresa non sarà semplice. Ma l’unione fa la forza. E come diciamo noi viticoltori della Valtènesi per farci forza, siamo #distantimauniti. 

In conclusione, voglio dedicare un pensiero a tutti coloro che hanno perso dei cari. Siamo tutti in sofferenza, questi eventi ci insegnano che non esistono confini né etnie. Siamo tutti umani, e ne usciremo ancora più consapevoli di tutto ciò.

Lorenzo Pasini, cantina La Torre

Se vuoi avere maggiori informazioni riguardo a questa azienda puoi consultare il loro sito internet cliccando qui: www.pasinilatorre.it

Se ti è piaciuto questo articolo ti invito, come sempre, a condividerlo sui tuoi social (cliccando i pulsanti sottostanti), se invece vuoi lasciarci un commento o hai domande puoi farle qui sotto, ti risponderemo appena possibile.

Alla prossima avventura,
cin cin
Camilla

Camillahttps://www.enodays.com
Designer. Appassionata di vino e viaggi. Sorrido alla vita e non viaggio mai abbastanza. Amo gli animali e sono alla ricerca costante di nuovi posti da esplorare. Positiva e spesso un pò distratta. Mi piace condividere e nel mio profilo instagram potrai trovare tutte le mie esperienze.

Related Stories

Discover

Popular Categories

Comments

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

it Italian
X
error: Content is protected !!